Condividi

Violante, come Teresa Bene per il CSM, non ha i requisiti per essere giudice della Corte Costituzionale. Cosa aspetta Napolitano a intervenire? Qualcuno lo svegli. Magari una telefonata di Mancino può servire.

“Mentre il dato della disoccupazione giovanile sale ancora, e l’Istat ci consegna stime al ribasso per la crescita del PIL, il parlamento è bloccato da più di due settimane. E questo perché? Perché il partito Unico di PD e Forza Italia si ostina a volere candidare dei soggetti non qualificati per la Corte Costituzionale.
Dopo il caso scandaloso dell’elezione al CSM di Teresa Bene (in quota Pd), annullata per assenza dei requisiti minimi per quella funzione, abbiamo deciso di passare al vaglio le qualifiche anche dei candidati rimasti in lizza per la Consulta.
Proprio su ne abbiamo scoperte delle belle.
Infatti il nome al quale il PD si è scandalosamente inchiodato, per occupare una fondamentale poltrona alla Consulta, non è meno dubbio di quello di Teresa Bene. La Costituzione parla chiaro e Luciano Violante semplicemente 1) non è magistrato (neanche a riposo) delle giurisdizioni superiori ordinaria ed amministrative 2) non ha mai esercitato la professione di avvocato 3) non è più professore ordinario in alcuna università da almeno cinque anni (né ha mai svolto attività accademica a tempo pieno da quando è in politica).
Luciano Violante non ha nessuno di questi requisiti per un motivo molto semplice: è un politico di professione, che siede in Parlamento dal 1991. Esattamente quello che la Costituzione non vuole: politici di professione che diventino giudici della Costituzione stessa!” M5S Parlamento

PS: Durante Italia5Stelle il 10, 11 e 12 ottobre non sarà possibile dormire con le tende al Circo Massimo. Tutte le informazioni sulle possibilità di alloggio sono disponibili qui. Su questa mappa trovate tutti i campeggi a Roma e provincia

Clicca sul banner per fare la tua donazione!

TUTTE LE INFORMAZIONI SU ITALIA 5 STELLE: