Condividi

I ricercatori di tutto il mondo sono alla ricerca di modi per aiutare le barriere coralline in via di estinzione e tutte le specie che vivono lì. Disastri naturali, come gli uragani, spesso lasciano una scia di devastazione.

Se gli edifici umani possono essere ricostruiti, non si può dire lo stesso per le barriere coralline.

Un’idea è quella di utilizzare modelli di coralli stampati in 3D per sostituire o integrare i sistemi di barriera corallina che sono stati colpiti e distrutti.

Una nuova ricerca condotta dall’Università del Delaware Danielle Dixson ha dimostrato che gli oggetti stampati in 3D non influiscono sul comportamento o sulla sopravvivenza dei coralli. Inoltre, lo studio ha dimostrato che i pesci non hanno mostrato alcuna preferenza tra i coralli artificiali e quelli naturali.

Ma come è stato possibile? I modelli di corallo 3D sono stati realizzati replicando uno scheletro di corallo utilizzando 50 immagini iPhone del corallo, prese da tutte le angolazioni, e una stampante 3D. I ricercatori hanno stampato in 3D quattro diversi modelli di corallo artificiale da filamenti a basso costo e ampiamente disponibili, tra cui poliestere e due materiali biodegradabili, uno in amido di mais e un altro in amido di mais combinato con polvere di acciaio inossidabile.

Ora i test sono tutti concentrati sul miglior materiale da utilizzare.