Condividi
Photo Di Shutterstock

di Alan Simson – Il 21° secolo è il secolo urbano. È stato previsto che le aree urbane in tutto il mondo si espanderanno di oltre 2,5 miliardi di persone entro il 2050.

La portata e la velocità dell’urbanizzazione ha creato notevoli problemi ambientali e sanitari per gli abitanti delle città. Questi problemi sono spesso aggravati dalla mancanza di contatto con il mondo naturale.

Con il gruppo di ricerca Tree Urbanistas , ho considerato e dibattuto come risolvere questi problemi. Entro il 2119, è solo ristabilendo il contatto con il mondo naturale, in particolare gli alberi, che le città saranno in grado di funzionare, essere vitali e in grado di sostenere le loro popolazioni.

La creazione di foreste urbane renderà le città degne di essere vissute, in grado di funzionare e sostenere le loro popolazioni: Treetopia, l’utopia degli alberi. Città in cui le piante diventano protagoniste ovunque.

Questa riprogettazione includerà la piantumazione di molti più alberi urbani e altra vegetazione e l’utilizzo di metodi nuovi e più creativi. Anche se all’epoca non ce ne rendevamo pienamente conto, la Hundertwasserhaus di Vienna del 1986 , un edificio che incorporava 200 alberi nel suo progetto, fu l’inizio di un pensiero forestale urbano più creativo.

Hundertwasserhaus di Vienna

Ciò è stato svolto negli appartamenti Bosco Verticale di Stefano Boeri nel centro di Milano, che ingloba oltre 800 alberi come parte dell’edificio. Strutture simili si stanno sviluppando in tutto il mondo, come a Nanchino in Cina e ad Utrecht nei Paesi Bassi.

La foresta urbana deve essere progettata come un primo principio, parte dell’infrastruttura critica dell’intera città, non solo come un ripensamento estetico. Sappiamo ad esempio che nel 2015, la foresta urbana nel Regno Unito ha salvato il Servizio sanitario nazionale per oltre 1 miliardo di sterline aiutando a ridurre l’impatto degli inquinanti atmosferici.

Gli alberi possono creare luoghi che possono migliorare notevolmente la nostra salute e il nostro benessere. La nostra foresta urbana può darci gli spazi e i luoghi per aiutare a gestire la nostra salute mentale e migliorare la nostra salute fisica. La ricerca ha indicato, ad esempio, che aumentare la copertura di verde di un quartiere del 10% e creare luoghi sicuri e percorribili può ridurre l’obesità fino al 18%.

Poiché le aree rurali diventano meno produttive a causa del cambiamento climatico, le città – che in precedenza consumavano beni e servizi da un ampio entroterra – dovranno diventare produttive internamente. Gli alberi saranno al centro di tutto ciò, contribuendo al bilancio energetico della città attraverso il raffreddamento, la regolazione e la pulizia dei nostri flussi di aria e acqua e assicurando che i nostri suoli urbani precedentemente trascurati funzionino in modo sano.

Le foreste urbane potrebbero anche fornire legname da costruzione. Abbiamo una storia di boschi produttivi nel Regno Unito, ma i materiali da costruzione alternativi e la crescita di una popolazione urbana con una minore conoscenza della gestione forestale significa che la foresta urbana è raramente considerata produttiva. 

Inoltre, la crescita economica è ancora considerata il simbolo principale dell’efficacia di una città, ma dobbiamo essere ugualmente consapevoli di altri valori invisibili. Ciò aprirà nuovi approcci alla governance. La governance deve abbracciare tutte le forme di valore in modo equilibrato e facilitare una nuova visione, considerando come gli alberi possono aiutare a creare città vivibili.

Gli attuali guardiani della nostra foresta urbana, principalmente i responsabili degli alberi nei comuni, trascorrono gran parte del loro tempo a gestire i rischi piuttosto che a massimizzare le opportunità degli alberi. Spesso ricevono lamentele sugli alberi e sulla loro gestione e a volte può essere difficile ricordare che le persone si preoccupano degli alberi. Dobbiamo sviluppare partnership valide tra gestori di alberi, membri della comunità e imprese per sostenere gli alberi nelle nostre città.

Sebbene la copertura del verde delle città in tutto il mondo stia attualmente diminuendo, non è così in Europa, dove è in aumento. Molti paesi europei stanno riconoscendo il fatto che abbiamo progettato eccessivamente le nostre città per ospitare l’auto, e ora è il momento di reclamare lo spazio pubblico per la nostra gente – pedoni a piedi o in bicicletta.

Sviluppi creativi come l’Hundertwasserhaus non sono l’unica risposta alla creazione di Treetopia. Stiamo e continueremo a piantare più alberi da strada, boschetti urbani e gruppi di alberi  nei nostri parchi e spazi verdi. La treetopia è iniziata.

Professore di architettura del paesaggio e foreste urbane, Leeds Beckett University