Condividi

di Erik Meijaard – Ho visto la mia prima noce di cocco a 21 anni, su una spiaggia in Thailandia. Non avendo niente di meglio da fare, ho passato le ore successive a cercare di aprirla a mani nude. Dopo qualche graffio e qualche unghia rotta, sono riuscito ad arrivare al nocciolo del frutto. Dentro era secco, senza acqua. Probabilmente era evaporata al sole. Quella noce di cocco fu tra le mie prime delusioni, ma mi ha insegnato a guardare oltre un guscio allettante.

Anni dopo, lavorando come scienziato della conservazione degli oranghi in Indonesia, una cosa cominciò a darmi fastidio. Avevo lavorato molto su un’altra coltura tropicale, la famigerata palma da olio, le cui piantagioni sono il flagello della fauna selvatica tropicale. Sui social media la gente odia la palma da olio, ma ama i prodotti della palma da cocco.

Gli scaffali dei supermercati sono pieni di acqua di cocco, bottiglie di olio di cocco, gelati, cocco e barrette di cioccolato. Come l’olio di palma, il cocco sembra essere usato in quasi tutto, dal balsamo per capelli, al repellente per zanzare. Allora perché una palma è amata e l’altra odiata?

La palma da olio è leggermente più pesante, ma per il resto non distinguibile dal cugino cocco. La palma da olio è spesso associata agli oranghi e ad altre specie tropicali, perché il ruolo delle piantagioni nella distruzione dell’habitat forestale è ben noto. Quando ho intervistato persone sulla coltivazione della palma da olio nel 2018, ho scoperto che oltre la metà ha risposto che deve essere disastroso, o addirittura estremamente disastroso, per l’ambiente.

La noce di cocco, d’altra parte, sembra godere di una reputazione più rosea, con il 53% dei consumatori in un sondaggio globale che cita i benefici per la salute dell’olio di cocco, ma pochi identificano il suo impatto ambientale. Dopotutto, cresce lungo le spiagge tropicali dove la gente paga molti soldi per andare in vacanza, quindi come potrebbe essere qualcosa che fa male?

Le ultime stime indicano che ci sono 20 milioni di ettari di palma da olio al mondo e 12,5 milioni di ettari di cocco. Ma le palme da cocco sono coltivate ​​principalmente sulle isole tropicali, molte delle quali possiedono un numero notevole di specie che non si trovano in nessun altro posto della Terra. Quindi, nonostante la sua benevola reputazione, la noce di cocco ha un impatto negativo sorprendentemente grande sulla biodiversità tropicale.

La produzione di cocco minaccia più specie di qualsiasi altra coltura oleosa

Per volume di olio prodotto, la produzione di cocco colpisce più specie di qualsiasi altra coltura oleosa, compresa la palma da olio. Secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), la noce di cocco minaccia circa 20,2 specie per milione di tonnellate di olio prodotto, seguite da olive con 4,1 specie, palma da olio con 3,8 e soia, 1,3.

In effetti, la coltivazione del cocco ha contribuito direttamente all’estinzione di alcune specie. La palma da olio finora non l’ha fatto, per quanto ne sappiamo. Queste specie includono un uccello chiamato Marianne dagli occhi bianchi (Zosterops semiflavus) dell’isola Marianne nelle Seychelles e la volpe volante Ontong Java delle Isole Salomone (Pteropus howensis). Nessuno dei due è stato visto dal 1945, ma una volta furono trovati su isole che furono convertite principalmente in piantagioni di cocco.
Altre specie minacciate dalla produzione di cocco includono il cervo-topo Balabac (Tragulus nigricans), endemico di 3 isole filippine; il Sangihe tarsier (Tarsius sangirensis), un primate endemico dell’isola indonesiana di Sangihe; e il pigliamosche del paradiso ceruleo (Eutrichomyias rowleyi), anch’esso endemico di Sangihe.

Invece di aggiungere cocco al crescente elenco di prodotti che i consumatori coscienziosi devono evitare, dovremmo capire che tutte le colture e le merci hanno conseguenze ambientali. Secondo uno studio su Nature la raccolta delle olive spagnole ha ucciso 2,6 milioni di uccelli nel 2019; gli olivicoltori  hanno aspirato sia le olive che gli uccelli appollaiati di notte. Ma la produzione di olio d’oliva raramente solleva preoccupazioni tra consumatori e ambientalisti.

Come la produzione di qualsiasi merce, la noce di cocco può essere coltivata in modo da ridurre al minimo gli impatti ambientali e massimizzare i benefici sociali per la popolazione locale, nonché la salute di coloro che la consumano.

Se le persone vogliono boicottare l’olio di palma a causa del suo contributo alla deforestazione, forse dovrebbero anche evitare il caffè, il cioccolato e, in effetti, la noce di cocco. Tutti i prodotti alimentari devono essere coltivati ​​in modo sostenibile e affinché ciò accada, dobbiamo capire che i sistemi alimentari hanno bisogno di un cambiamento sistemico, non di una fissazione su alcune mele marce.

 

(Articolo pubblicato su The Conversation)