Condividi
Photo Di Shutterstock

Le sfide che devono affrontare gli oceani del mondo sono ben note: l’ inquinamento da plastica potrebbe far scomparire i pesci entro il 2050 e la crisi climatica potrebbe spazzare via le barriere coralline entro il 2100.

Gli oceani sono stati sfruttati per secoli, ma gli impatti negativi del nostro coinvolgimento sono diventati chiari solo negli ultimi 50 anni circa. I pesci e altre specie marine sono stati cacciati quasi fino all’estinzione, mentre le fuoriuscite di petrolio e altre forme di inquinamento hanno avvelenato gran parte di tutti i mari. Negli ultimi decenni, la crescente influenza dei cambiamenti climatici ha imbianchito i coralli e ha visto aumentare l’acidità dell’oceano.

Ma un nuovo studio, pubblicato su Nature, ha portato un po’ di speranza. Se i governi lavorassero insieme per affrontare le minacce degli ecosistemi marini terrestri, i mari potrebbero riprendersi in soli 30 anni.

La ricerca ha coinvolto alcuni dei più importanti scienziati marini del mondo che lavorano in quattro continenti, in 10 paesi e in 16 università, e ha utilizzato le prove di interventi di conservazione di successo per definire i passi cruciali che la comunità internazionale può intraprendere per ripristinare la fauna marina.

Il team di ricerca ha trovato diversi “segni di speranza” che indicano la notevole capacità di recupero dell’oceano:

  • La percentuale dell’oceano mondiale protetto è cresciuta da meno dell’uno per cento nel 2000 a quasi l’8% oggi.
  • La percentuale di stock ittici pescati in modo sostenibile è passata dal 60% nel 2000 al 68% nel 2012.
  • Gli habitat chiave come le foreste di alghe e le mangrovie sono in fase di restauro.
  • Quasi la metà delle 124 specie di mammiferi marini sta aumentando.

Tutto ciò indica che l’azione umana fa la differenza, nel bene e nel male.

“Il successo di molti progetti di conservazione marina negli ultimi anni ci dice come possiamo fare davvero la differenza nella vita nei nostri oceani se applichiamo le lezioni apprese da esse su vasta scala e con urgenza. Ora abbiamo le capacità e le competenze per essere in grado di ripristinare habitat marini vitali come scogliere di ostriche, paludi di mangrovie e saline – che mantengono i nostri mari puliti, le nostre coste protette e forniscono cibo a supporto di interi ecosistemi. La scienza ci dà motivo di essere ottimisti sul futuro dei nostri oceani” ha dichiarato il Co-autore dello studio, il professor Callum Roberts del Dipartimento di Ambiente e Geografia dell’Università di York.

Il recupero della vita marina può essere accelerato entro due o tre decenni se si affrontano i cambiamenti climatici e vengono attuati interventi efficienti su larga scala. I ricercatori hanno identificato nove componenti fondamentali per la ricostruzione di vita marina: salmastre, mangrovie, alghe, barriere coralline, scogli di ostriche, pesca, megafauna e acque profonde. Il rapporto identifica azioni specifiche, dalla protezione delle specie alla protezione degli spazi, dal ripristino degli habitat alla riduzione dell’inquinamento e della mitigazione dei cambiamenti climatici .

A questo link lo studio completo, che fornisce di sicuro una vera e propria road map tangibile per un oceano sano che possa offrire enormi benefici a noi e al nostro pianeta.