Condividi

di Tim Flannery – Un’alga è una cosa molto umile. A molti non piacciono, sono associate a qualcosa di sporco. Se le vediamo sulla spiaggia diciamo che la spiaggia è sporca. Ma le alghe hanno alcune qualità notevoli.

Per prima cosa, l’alga cresce molto velocemente. Quindi il carbonio che fa parte di quell’alga, poche settimane prima, galleggiava nell’atmosfera come CO2 atmosferica. Però quando l’alga marcisce, quella CO2 verrà rilasciata nell’atmosfera.

Non sarebbe fantastico se potessimo trovare un modo per mantenere la CO2 bloccata a lungo termine, e quindi contribuire in modo significativo alla risoluzione del problema climatico? Quello di cui sto parlando qui è il drawdown. Ora dobbiamo fare tre cose molto grandi e molto difficili contemporaneamente. Dobbiamo ridurre le nostre emissioni, cambiare il nostro modo di produrre energia mentre allo stesso tempo dobbiamo estrarre dall’atmosfera volumi significativi di anidride carbonica. Ora, ciò che gli scienziati ci dicono che dobbiamo fare fino alla fine di questo secolo, è ridurre le nostre emissioni di gas serra del 3% ogni anno ed estrarre tre gigatoni di CO2 dall’atmosfera ogni anno. Quindi, come possiamo fare per assorbire così tanto gas serra?

Esistono solo due modi per farlo.

Il primo è usare il sole per guidare la fotosintesi nelle piante, separare la CO2 e catturare il carbonio. Ci sono anche percorsi chimici. La cattura diretta dall’aria è un ottimo esempio di come estrarre CO2 dall’atmosfera e produrre biocarburanti o plastica. Si stanno facendo grandi progressi, ma passerà ancora tempo prima che con la chimica si possano assorbire grandi di CO2. I percorsi biologici ci offrono molta più speranza a breve termine. Una di queste soluzioni è molto semplice: è la riforestazione. Piantare alberi come soluzione al problema climatico.

Ma sono scettico al riguardo per una serie di motivi. Uno è solo l’entità del problema. Tutti gli alberi iniziano come semi e passano molti decenni prima che abbiano raggiunto il loro pieno potenziale. E in secondo luogo, serve davvero tanto spazio per risolvere il problema. Quanta terra servirebbe?

Ma forse c’è una soluzione più semplice.

Gli oceani coprono circa il 70% del nostro pianeta. Svolgono un ruolo davvero importante nella regolazione del nostro clima e se possiamo migliorare la crescita delle alghe marine in esse, possiamo usarle, penso, per salvarci dall’inquinamento atmosferico. La scalabilità è la cosa importante della coltivazione delle alghe.

Se potessimo coprire il 9% dell’oceano con fattorie di alghe, potremmo estrarre l’equivalente di tutti i gas serra che abbiamo prodotto in un anno, più di 50 gigatoni. Quindi le alghe sono piccole, occupano poco spazio, questo spazio può essere l’oceano, ma soprattutto le alghe non sono come gli alberi, non ha parti non produttive come radici e tronchi, rami e corteccia. L’intera pianta è praticamente fotosintetica, quindi cresce rapidamente. Le alghe possono crescere di un metro al giorno. Incredibile. Ma abbiamo detto che quando l’alga marcisce, il carbonio catturato viene rilasciato. Come risolvere tutto questo? La soluzione potrebbe essere tagliare quell’alga, spostarla poi nell’abisso dell’oceano e una volta scesi di un chilometro, il carbonio di quell’alga è effettivamente fuori dal sistema atmosferico per secoli o millenni.

Quindi cosa potrebbe andare storto? Bene, tutto ciò di cui stiamo parlando implica un intervento su scala planetaria. E dobbiamo stare molto attenti. Penso che le pile di alghe puzzolenti saranno probabilmente il minore dei nostri problemi. Ci sono altre cose impreviste che accadranno. Una delle cose che mi preoccupa davvero, quando ne parlo, è il destino della biodiversità nell’oceano profondo. Se stiamo immettendo gigatoni di alghe nell’oceano profondo, stiamo influenzando la vita laggiù.

La buona notizia è che sappiamo che molte alghe raggiungono già l’oceano profondo. Quindi non stiamo parlando di un nuovo processo qui; stiamo parlando di migliorare un processo naturale. Potrebbe essere che queste fattorie di alghe oceaniche dovranno essere mobili, per distribuire le alghe su vaste aree dell’oceano, piuttosto che creare un grande mucchio puzzolente in un unico posto. Potremmo avremo bisogno di carbonizzare l’alga prima di spedirle nel profondo dell’oceano.

Non lo sapremo fino a quando non avvieremo il processo e impareremo efficacemente facendo.