Condividi

Fino ad ora, è stato sempre accertato di come la plastica si stia diffondendo in tutto il pianeta attraverso fiumi e oceani, ma gli scienziati stanno prendendo sempre più in considerazione un’altra via di propagazione: l’atmosfera. Un lavoro di ricerca pubblicato questa settimana sulla rivista Science mostra come la pioggia, l’aria, le nuvole spostino le microplastiche in luoghi inaspettati, come i parchi nazionali degli Stati Uniti. Secondo i dati raccolte in 11 aree naturali dall’autunno 2017 all’estate 2019, i ricercatori della Utah State University stimano che ogni anno più di 1.000 tonnellate di microplastiche cadano dal cielo nei parchi nazionali, l’equivalente tra 120 e 300 milioni di bottiglie d’acqua di plastica che erano sparse in pezzi microscopici.

“Siamo rimasti sorpresi dall’elevato numero di materie plastiche nei campioni, in quanto è qualcosa che non possiamo vedere ad occhio nudo. Ma abbiamo usato due diversi metodi di conteggio ed entrambi hanno dato risultati simili “, afferma Janice Brahney, assistente professore alla Utah State University e autore principale di questo studio.

Trovare microplastiche in parchi nazionali come le Montagne Rocciose o il Grand Canyon non è solo sorprendente perché sono enclave protette molto apprezzate. Ciò ha una rilevanza speciale perché conferma il ruolo dell’atmosfera nella dispersione di materiale in tutto il pianeta che non esisteva in natura fino a quando non è stato inventato dagli umani nel 20 ° secolo. Una diffusione su larga scala di cui, oggi, non si sa davvero fino a che punto può arrivare il suo impatto.

Per quanto riguarda la composizione, la maggior parte delle microplastiche identificate sono state quelle di polimeri utilizzati in applicazioni industriali e tessili.

Particelle di plastica e fibre mescolate con polvere nei campioni raccolti dai ricercatori, 500 µm equivalgono a 0,5 millimetri.

Uno studio condotto da ricercatori francesi lo scorso anno ha documentato la presenza di microplastiche ad alta quota nelle montagne dei Pirenei e altri studi hanno trovato microplastiche nella neve artica. Ora, questa nuova ricerca fornisce ulteriori indizi sul viaggio della plastica attraverso l’atmosfera.

Come spiega Brahney, alcune ricerche hanno cercato di quantificare il movimento della plastica sul pianeta, ma hanno ignorato la parte atmosferica: “I nostri dati mostrano che il ciclo della plastica ricorda il ciclo globale dell’acqua, che ha vita atmosferica, oceanica e terrestre”. 

“Non conosciamo veramente tutte le implicazioni dell’accumulo di questi materiali, sono necessarie ulteriori ricerche”, afferma Brahney, che ritiene che un primo passo nella ricerca di soluzioni su scala globale sia quello di identificare i meccanismi chiave nel rilascio della plastica. “Anche se smettessimo di produrre plastica in questo momento, il rilascio di plastica nell’ambiente per così tanto tempo rende impossibile fermare la sua propagazione nell’atmosfera”.