Condividi
Photo Di Shutterstock

Una proteina, precedentemente ritenuta un efficace biomarcatore ematico di malattie neurodegenerative come l’Alzheimer, è stata rilevata per la prima volta nell’occhio. La scoperta, del Boston Medical Center, pone le basi per promettenti nuovi test diagnostici oculari che si spera possano rilevare malattie neurodegenerative anni prima della comparsa dei sintomi.

“Una delle maggiori priorità nella ricerca sulla malattia di Alzheimer è sviluppare modi per diagnosticare la malattia prima della comparsa dei sintomi, che consentirebbe un trattamento precoce che potrebbe aiutare a fermare la progressione di questa malattia mortale”, afferma Manju Subramanian del Boston Medical Center, primo autore del nuovo studio.

La catena leggera dei neurofilamenti (NfL) è una proteina rilasciata a seguito di danni alle cellule cerebrali. Sebbene non sia ancora utilizzato come strumento diagnostico in ambito clinico, un numero crescente di ricerche sta scoprendo che può essere rilevato nel sangue e nel liquido cerebrospinale molti anni, o addirittura decenni , prima che compaiano i sintomi clinici delle malattie neurodegenerative.

In questo nuovo studio, i ricercatori si sono proposti di determinare se la NfL può essere rilevata nell’occhio e se questi livelli nell’occhio sono correlati con altri biomarcatori della progressione della malattia di Alzheimer. Campioni di liquido oculare sono stati raccolti durante la chirurgia oculare di routine da 77 soggetti, con un’età media di 56 anni.

I livelli di NfL sono stati rilevati con successo in tutti i 77 soggetti. Livelli aumentati di NfL sono stati effettivamente associati a livelli più elevati di altri biomarcatori dell’Alzheimer come l’amiloide e le proteine ​​tau. E forse la cosa più importante è che questi livelli di NfL legati agli occhi non erano associati ad alcuna malattia clinica dell’occhio o malattie sistemiche generali, incluso il diabete. Questa particolare scoperta aggiunge peso all’ipotesi che i livelli di NfL siano direttamente correlati alla malattia neurodegenerativa.

Il prossimo passo della ricerca sarà esplorare se i livelli di NfL possono essere rilevati nelle secrezioni lacrimali, trovare così un modo meno invasivo di effettuare test diagnostici precoci per molte malattie neurodegenerative.

“Speriamo che questi risultati aggiungano altre informazioni su ciò che sta accadendo in diverse parti del corpo per rilevare la presenza di malattie prima che la neurodegenerazione prenda piede, causando danni irreversibili”, afferma Subramanian. “Prima possiamo diagnosticare e curare queste malattie, meglio staranno i nostri pazienti”.

Il nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista Alzheimer’s Research & Therapy.